CONTATTACI OK

Battipaglia. Entra nel vivo la Finale Nazionale Under 18 di basket femminile

Con la cerimonia di inaugurazione di domenica è entrata nel vivo la Finale Nazionale Under 18 femminile di Pallacanestro targata Treofan. Alla cerimonia hanno partecipato la sindaca, Cecilia Francese, l’Assessore all'Area Sociale Michele Gioia, il Consigliere federale e patron della Treofan Giancarlo Rossini ed il presidente del Comitato Regionale FIP Campania, Manfredo Fucile.

Le migliori sedici squadre d’Italia hanno sfilato lungo le vie di Battipaglia partendo da Piazza Aldo Moro e hanno raggiunto il Treofan Village per il primo atto ufficiale della manifestazione.

Si tratta del terzo evento giovanile femminile organizzato a Battipaglia, dopo la Finale Nazionale Under 19 del 2015  e la Finale Nazionale Under 16 dello scorso anno.

Givova Ladies, il sogno A2 svanisce contro Varese

Scafati tiene botta solo un quarto. Busiello esce subito per infortunio. Si conclude una stagione straordinaria per capitan Scala e compagne

Termina contro Varese il sogno della Givova Ladies Scafati. Il team di coach Ottaviano perde 49-66 il ritorno dei playoff e conclude il campionato.

Al primo possesso offensivo la Givova Ladies perde subito per infortunio Busiello (proverà a rientrare senza successo). Entra così in campo Liuzzi, che trascina assieme a Scala le locali fino al 10-4, che costringe le ospiti al timeout. Di ritorno sul parquet è Bonfanti a ricucire lo strappo fino al -3 (13-10). Ma Scafati è carica al punto giusto e sempre con Liuzzi e Carotenuto fissa il punteggio sul 18-12 alla fine della prima frazione. Nei secondi dieci giri di lancetta le biancorosse cominciano ad entrare in carreggiata e raggiungono il pari a quota 20 con i canestri di Premazzi e Cassani. Scafati si smarrisce e cerca di aggrapparsi all’esperienza di Carotenuto. Ma dall’altra parte è ancora un’implacabile Cassani, ancora coadiuvata da Premazzi, a ribaltare l’inerzia fino al 26-33 con cui si torna negli spogliatoi.

Dopo la pausa lunga Varese decide di andare definitivamente in fuga con Michela Frantini e Luisetti che firmano il +14 (26-40). Scafati non sa più come replicare e scivola fino al -17 (30-47) con la chirurgica Premazzi e Susanna Frantini. Solo uno scatto d’orgoglio di Liuzzi e Iozzino consente a Scafati di andare sul 37-53 all’ultima sirena. Nell’ultima frazione in pratica non accade più nulla con Varese, che porta a casa la qualificazione.

Applausi a scena aperta comunque per capitan Scala e compagne, protagoniste comunque di una stagione davvero da incorniciare.

Emozionante il messaggio di coach Ottaviano al termine della gara. “In primis complimenti a Varese, al quale vorrei fare un grosso in bocca.al lupo per la finale. Poi vorrei dire grazie a a queste ragazze che hanno lottato con tutte le loro forze fino all’ultimo. Per noi va negli annali un campionato spettacolare. Abbiamo raggiunto gli obiettivi che ad inizio anno ci eravamo prefissati e quindi usciamo a testa alta. Per la società è stata un esperienza bellissima che ha arricchito ancora di più il nostro bagaglio. Sarà un’annata che non dimenticherò mai”.

Givova Ladies Scafati-Pallacanestro Femminile Varese 49-66

Givova Ladies Scafati: Sicignano, Iozzino 12, Busiello, Carotenuto 8, Favilla 5, Scala 6, Serra, Di Somma n.e, De Michele 9, Di Michele n.e., Donnarumma n.e., Liuzzi 9. All. Ottaviano

Pallacanestro Femminile Varese: Bonfanti 8, Luisetti 9, Pagano, Biasion 3, Rossi 4, Cassani 18, Premazzi 10, Sorrentino 2, M. Frantini 4, Quarantelli, S. Frantini 8, Colombo. All. Ferri

Arbitri: Caldarola di Ruvo e Palazzo di Campobasso

 Parziali: 18-12, 26-33, 37-53

Gara 1 playout amara a Cagliari per il Salerno Basket, finisce 72-46

Gara 2 giovedì al PalaSilvestri per provare a riportare la serie in parità e giocarsi salvezza in gara 3

La strada per la salvezza è in salita. Il Salerno Basket ’92 cade in casa del Cus Cagliari in gara 1 dei playout di Serie A2 femminile e ora dovrà provare a riportare la serie in parità tra le mura amiche del PalaSilvestri giovedì 27 aprile alle 19:30 per gara 2. Soltanto così la compagine del patron Angela Somma potrà sperare, giocando eventualmente gara 3 ancora in Sardegna domenica 30 aprile, di raggiungere la salvezza. Viceversa, sarebbero le isolane a esultare.

Al Pala Cus di Cagliari finisce 72-46 per le locali. Salerno mai realmente in partita: troppi errori per le campane, soprattutto in appoggi sotto canestro. Le padrone di casa mettono subito il muso avanti e ci restano piuttosto agevolmente fino al termine del match. Le granatine abbozzano una reazione, costruendo anche buone occasioni di tiro ma con percentuali che definire rivedibili è eufemistico.

“Dopo 4 minuti sembrava ne avessimo giocati quaranta, abbiamo approcciato male dal punto di vista fisico e la cosa ha avuto riverbero anche a livello mentale – dichiara coach Russo – Un playout è importante, spesso in questa gare conta molto di più la ferocia agonistica che la qualità. In questo abbiamo peccato, al di là degli errori tecnici. La partita si è messa male da subito, nel primo quarto avremmo potuto e dovuto fare molto di più. Adesso si fa dura, proveremo a giocarci le nostre carte a Salerno”.

TABELLINO   -   CUS CAGLIARI-SALERNO BASKET 72-46 (14-7; 38-19; 51-26)

CAGLIARI: Alesiani 14, Madeddu 2, Lai 2, Vanin, Riccardi 13, Dettori 11, Bertucci 2, Aielli ne, Niola 4, Bungaitè 24. All: Schiascia.

SALERNO: Esposito ne, Seskute 9, Caputo ne, De Mitri 6, Zolfanelli 6, Ceccardi 4, Assentato 1, Meschi 12, Kenny 8, Galdi ne. All: Russo.

Arbitri: Barbiero (Milano)-Bianchi (Rimini)

Sottoscrivi questo feed RSS

Battipaglia