Skin ADV

Redazione

Redazione

Eboli. Un nuovo modello di accoglienza, solidale e nel rispetto delle regole: incontro nell’auditorium del Liceo Classico

“Lo straniero che è in me” è il titolo dell’incontro programmato per venerdì 25 gennaio, nell’auditorium del Liceo Classico di Eboli. Un’occasione di riflessione sui delicati temi dell’accoglienza e dell’integrazione, realizzata su iniziativa dell’associazione Mediterranea Civitas, che coinvolge un’ampia rete: Comuni, istituzioni, associazioni, studiosi e tutte le scuole del territorio impegnate in una giornata di studio su un tema caldo. «Apriamo questo confronto con l’intenzione di proporre un modello di accoglienza che si sviluppi sulla solidarietà, ma anche sul rispetto delle regole da parte di tutti», ha detto Maria Luisa Albano, referente di Mediterranea Civitas, nella presentazione di questa mattina. Scuole presenti attraverso i dirigenti, rappresentate dall’intervento del dirigente scolastico dell’IIS Perito-Levi, Giovanni Giordano: «Ci sentiamo una scuola unica, rifiutiamo la tesi della differenza, a livello scolastico l’integrazione è una realtà e da anni». Venerdì sarà firmata la Carta delle Colombe, un impegno per tutti, a cominciare dagli studenti, a diventare messaggeri di pace. «Un progetto che portiamo avanti da quasi 20 anni, conosciamo il valore del coinvolgimento dei giovani e degli studenti sui temi di pace ed accoglienza - ha detto il sindaco, Massimo Cariello -. C’è una grande sensibilità in città, associazioni, istituzioni e scuole ci sono vicini. Abbiamo intrapreso un nuovo percorso, distante da quella cultura volontaristica che giustificava tutto e tutti. Il nostro obiettivo è andare ad un’accoglienza che guardi all’integrazione e non prescinda mai dal rispetto delle regole».Venerdì mattina, prima del convegno, è programmato un corteo simbolico con gli studenti, per lanciare u nuovo messaggio di pace.

e-max.it: your social media marketing partner

Cinecibo da Battipaglia a Cinecittà con i Manetti Bros

Approda negli studi di Cinecittà il progetto Cinecibo nato a quasi 10 anni fa dalla creatività di due battipagliesi, l'organizzatore di eventi Donato Ciociola e l'attore ora parlamentare Nicola Acunzo.

Grazie alla partnership con Luce Cinecittà e Cinecittà Events, Cinecibo ora diventa anche Masterclass di formazione cinematografica. Il primo corso si terrà sabato 23 e domenica 24 febbraio 2019 con una ‘full-immersion’ di recitazione cinematografica curata Marco ed Antonio Manetti, i registi vincitori del David di Donatello per miglior film del 2018.

“Questo è il primo di un ciclo di Masterclass – ha dichiarato Donato Ciociola, con registi che si sono aggiudicati il Premio Cinecibo partecipando al festival che annualmente organizzo con la presidenza di da Michele Placido. Un festival che sin dall’inizio ha dato molta importanza alla formazione dei giovani e questa iniziativa si inserisce in tal senso, dando la possibilità agli aspiranti attori di acquisire competenze direttamente dai protagonisti della cinematografia italiana e magari anche di avere qualche chance per far parte del cast di “Diabolik”, il nuovo film dei Manetti Bros.”

L’incontro dunque permette agli aspiranti attori e agli amatori di acquisire le informazioni base della professione di attore ed ai professionisti di approfondire le proprie capacità attoriali. Questo grazie all’interazione con i fratelli Manetti che potranno seguire i singoli partecipanti, facendoli recitare uno per volta, dando consigli e dimostrazioni riguardo alle tecniche da impiegare. Vista la sua natura intensiva e interattiva, la Masterclass è aperta ad un numero limitato di allievi per dare a ciascuno il tempo necessario ad ottenere una formazione personalizzata. Per ulteriori informazioni è possibile telefonare allo 0828-302142 o scrivere a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

e-max.it: your social media marketing partner

Treofan Battipaglia, salta il tavolo di domani al Mise

Vertenza Treofan, salta il tavolo previsto per domani al Ministero dello Sviluppo Economico tra le organizzazioni sindacali, il Gruppo Jintal e il Governo. L’ufficio di Gabinetto del ministro Luigi Di Maio ha deciso di far slittare a data da stabilire il confronto con l’azienda poiché sulla propria scrivania ancora non è giunto il tanto atteso piano industriale. Nel frattempo è stata informata l’ambasciata italiana in India per convocare la proprietà e fare pressione sulla stessa al fine di trovare una soluzione. Sulla spinosa vicenda impegnati anche Confindustria e le organizzazioni sindacali, che attendono una risposta seria e concreta alle numerose chiamate del Governo.

e-max.it: your social media marketing partner
Sottoscrivi questo feed RSS

Battipaglia