CONTATTACI OK

Salerno Basket ’92, ingaggiata la guardia svedese Sophie Melin

Un altro innesto per il Salerno Basket ’92. La società di patron Angela Somma si sta attrezzando per vivere un campionato di Serie B femminile da protagonista, seguendo sempre la linea verde ma pescando giovani talenti anche all’estero. È il caso della svedese Sophie Melin, guardia-ala classe 1998 che non vede l’ora di iniziare l’avventura in Italia. In patria ha vestito le casacche di Alvik, Kungsholmen e, dal 2015, del KFUM Central di Stoccolma, nella massima serie svedese. “Sono davvero entusiasta di poter intraprendere questa nuova avventura. Sarà per me molto stimolante giocare a Salerno e spero di conoscere subito le mie nuove compagne, con l’obiettivo di vincere fin da subito e conquistare la promozione in categoria superiore. Per me è la prima esperienza all’estero, in Italia la pallacanestro è ad un livello altissimo, per cui sono contenta”, le primissime parole dopo la firma da parte di Melin. La neo giocatrice granata poi si descrive: “Sul campo cerco sempre di dare tutto e non mollare mai. Solitamente vengo impiegata come guardia tiratrice ma mi piace anche fare assist o inserirmi per andare a canestro. Non ho moduli o schemi preferiti, ho variato molto in questi anni a sono pronta ad affrontare il campionato, partita dopo partita, adattandomi alle richieste del coach”.

e-max.it: your social media marketing partner

Gara 1 playout amara a Cagliari per il Salerno Basket, finisce 72-46

Gara 2 giovedì al PalaSilvestri per provare a riportare la serie in parità e giocarsi salvezza in gara 3

La strada per la salvezza è in salita. Il Salerno Basket ’92 cade in casa del Cus Cagliari in gara 1 dei playout di Serie A2 femminile e ora dovrà provare a riportare la serie in parità tra le mura amiche del PalaSilvestri giovedì 27 aprile alle 19:30 per gara 2. Soltanto così la compagine del patron Angela Somma potrà sperare, giocando eventualmente gara 3 ancora in Sardegna domenica 30 aprile, di raggiungere la salvezza. Viceversa, sarebbero le isolane a esultare.

Al Pala Cus di Cagliari finisce 72-46 per le locali. Salerno mai realmente in partita: troppi errori per le campane, soprattutto in appoggi sotto canestro. Le padrone di casa mettono subito il muso avanti e ci restano piuttosto agevolmente fino al termine del match. Le granatine abbozzano una reazione, costruendo anche buone occasioni di tiro ma con percentuali che definire rivedibili è eufemistico.

“Dopo 4 minuti sembrava ne avessimo giocati quaranta, abbiamo approcciato male dal punto di vista fisico e la cosa ha avuto riverbero anche a livello mentale – dichiara coach Russo – Un playout è importante, spesso in questa gare conta molto di più la ferocia agonistica che la qualità. In questo abbiamo peccato, al di là degli errori tecnici. La partita si è messa male da subito, nel primo quarto avremmo potuto e dovuto fare molto di più. Adesso si fa dura, proveremo a giocarci le nostre carte a Salerno”.

TABELLINO   -   CUS CAGLIARI-SALERNO BASKET 72-46 (14-7; 38-19; 51-26)

CAGLIARI: Alesiani 14, Madeddu 2, Lai 2, Vanin, Riccardi 13, Dettori 11, Bertucci 2, Aielli ne, Niola 4, Bungaitè 24. All: Schiascia.

SALERNO: Esposito ne, Seskute 9, Caputo ne, De Mitri 6, Zolfanelli 6, Ceccardi 4, Assentato 1, Meschi 12, Kenny 8, Galdi ne. All: Russo.

Arbitri: Barbiero (Milano)-Bianchi (Rimini)

e-max.it: your social media marketing partner
Sottoscrivi questo feed RSS

Battipaglia