CONTATTACI OK

Coach Ottaviano svela i piani della Givova Ladies

“Obiettivo continuità. Non finiremo come altre squadre in passato”

Il tecnico guarda alla nuova stagione. “Calendario difficile? Può essere un vantaggio. La squadra cresce in maniera impressionante”

A due settimane dall’inizio del campionato è tempo di un primo bilancio per la Givova Ladies Scafati. Iozzino e compagne hanno sostenuto duri carichi di lavoro, misti ad amichevoli contro squadre di spessore. In estate il gm Maurizio Prete ha un po’ rivoluzionato l’organico, che disputerà il prossimo campionato di serie B. Tante sono le curiosità in vista dell’esordio del prossimo 22 ottobre contro Capri. A svelare obiettivi e piani per la nuova stagione è il coach Nicola Ottaviano, al quarto anno di fila sulla panchina della Givova Ladies.

A un mese e mezzo dall'inizio della preparazione come procede la crescita del nuovo roster?

“Abbiamo chiesto fin da subito dei sacrifici alle ragazze, svolgendo anche doppie sedute di allenamento all’inizio e continuando con allenamenti quotidiani, amichevoli comprese. I miglioramenti del gruppo sono impressionanti e si vedono si a livello fisico, grazie al lavoro del preparatore Tiziano Megaro, che tattico. Al momento la squadra ha bisogno di giocare il più possibile per conoscersi meglio. Poi da martedì, con il ritorno di Negri il gruppo sarà finalmente completo, considerando comunque il recupero di Busiello che sta compiendo passi da gigante dopo il brutto infortunio che ha subito. Divertirsi insieme è per noi il fattore più importante per giungere al successo”.

Si profila un campionato molto avvincente quest'anno. Che idea si è fatto delle vostre avversarie?

“Credo proprio che sarà una stagione avvincente. I roster delle squadre sono tutti nuovi e sento in giro che quasi tutte vogliono lottare per un posto nei playoff nazionali. Ho avuto modo di vedere soltanto Sorrento, Capri e Cercola mentre di altre formazioni ho letto solo di alcuni acquisti su internet. Penso sarà una serie B molto competitiva. Non vediamo l’ora di iniziare”.

Considerando l'Open Day di Cercola, ci saranno tre trasferte difficili in fila da sostenere. Cosa ne pensa di questo calendario?

“Prima o poi dovremo affrontarle tutte, quindi non fa differenza. Disputeremo le prime tre gare con altrettanti roster importanti (Capri, Salerno ’92 e Cercola ndr), ma potrebbe essere anche un grande vantaggio per il girone di ritorno. Comunque preferisco guardare una sfida per volta. Ora siamo concentrati ancora a terminare l’ultima fase di preparazione. Da venerdì 20 penseremo alla nostra sfida d’esordio”.

E' tempo anche di svelare gli obiettivi, quale sarà quello della Givova Ladies?

“Parto da una premessa. In campo andremo sempre per ottenere la vittoria, ma a me piace sempre guardare al di là del puro risultato sportivo. Varie sono state le società che negli ultimi anni hanno puntato al salto di categoria senza riuscire a dare continuità. Alcune sono scomparse, altre sono ripartite da categorie inferiori. Il nostro obiettivo principale sarà, quindi, la crescita delle più piccole e la conferma del loro valore per le più grandi”

 

e-max.it: your social media marketing partner

Ruvanna Campbell è una nuova giocatrice bianco-arancio

Ancora un acquisto di spessore per la PB63 che si assicura una giocatrice di assoluta qualità. La terza straniera di questa campagna acquisti è stata infatti scelta con calma ed attenzione dalla società che si è così assicurata una giovane di assoluto livello e dalla già grande esperienza internazionale come Ruvanna Campbell, 24enne pivot statunitense.

Nata nel 1993 a Chicago (Illinois), Campbell ha frequentato il college “La Salle” a Filadelfia, nella Pennsylvania. La sua carriera nella pallacanestro è iniziata nella stagione 2014/2015 con la canotta dei Chicago Flames dove, nel primo anno, ha collezionato la media di 17.7 punti e di 14 rimbalzi a gara. Nel suo secondo e ultimo anno a Chicago Campbell è riuscita a migliorare la sua grande annata precedente arrivando a fine stagione con la media di 18.1 punti e di 14 rimbalzi.

Lo scorso anno ha affrontato le sue prime due esperienze oltreoceano, prima con l’Hapoel Petah Tikva in Israele e poi in Svizzera, con l’Helios Basket. Con la squadra elvetica la cestista americana ha conquistato il suo primo titolo nazionale e si è confermata ad altissimi livelli con la media di 12 punti e 12 rimbalzi a partita.

Ora per Ruvanna Campbell è arrivato il momento di misurarsi con il campionato italiano, in una piazza come quella di Battipaglia, pronta ad accoglierla ed a farle esprimere tutto il suo potenziale.

e-max.it: your social media marketing partner
  • Pubblicato in Sport

Givova Ladies, il sogno A2 svanisce contro Varese

Scafati tiene botta solo un quarto. Busiello esce subito per infortunio. Si conclude una stagione straordinaria per capitan Scala e compagne

Termina contro Varese il sogno della Givova Ladies Scafati. Il team di coach Ottaviano perde 49-66 il ritorno dei playoff e conclude il campionato.

Al primo possesso offensivo la Givova Ladies perde subito per infortunio Busiello (proverà a rientrare senza successo). Entra così in campo Liuzzi, che trascina assieme a Scala le locali fino al 10-4, che costringe le ospiti al timeout. Di ritorno sul parquet è Bonfanti a ricucire lo strappo fino al -3 (13-10). Ma Scafati è carica al punto giusto e sempre con Liuzzi e Carotenuto fissa il punteggio sul 18-12 alla fine della prima frazione. Nei secondi dieci giri di lancetta le biancorosse cominciano ad entrare in carreggiata e raggiungono il pari a quota 20 con i canestri di Premazzi e Cassani. Scafati si smarrisce e cerca di aggrapparsi all’esperienza di Carotenuto. Ma dall’altra parte è ancora un’implacabile Cassani, ancora coadiuvata da Premazzi, a ribaltare l’inerzia fino al 26-33 con cui si torna negli spogliatoi.

Dopo la pausa lunga Varese decide di andare definitivamente in fuga con Michela Frantini e Luisetti che firmano il +14 (26-40). Scafati non sa più come replicare e scivola fino al -17 (30-47) con la chirurgica Premazzi e Susanna Frantini. Solo uno scatto d’orgoglio di Liuzzi e Iozzino consente a Scafati di andare sul 37-53 all’ultima sirena. Nell’ultima frazione in pratica non accade più nulla con Varese, che porta a casa la qualificazione.

Applausi a scena aperta comunque per capitan Scala e compagne, protagoniste comunque di una stagione davvero da incorniciare.

Emozionante il messaggio di coach Ottaviano al termine della gara. “In primis complimenti a Varese, al quale vorrei fare un grosso in bocca.al lupo per la finale. Poi vorrei dire grazie a a queste ragazze che hanno lottato con tutte le loro forze fino all’ultimo. Per noi va negli annali un campionato spettacolare. Abbiamo raggiunto gli obiettivi che ad inizio anno ci eravamo prefissati e quindi usciamo a testa alta. Per la società è stata un esperienza bellissima che ha arricchito ancora di più il nostro bagaglio. Sarà un’annata che non dimenticherò mai”.

Givova Ladies Scafati-Pallacanestro Femminile Varese 49-66

Givova Ladies Scafati: Sicignano, Iozzino 12, Busiello, Carotenuto 8, Favilla 5, Scala 6, Serra, Di Somma n.e, De Michele 9, Di Michele n.e., Donnarumma n.e., Liuzzi 9. All. Ottaviano

Pallacanestro Femminile Varese: Bonfanti 8, Luisetti 9, Pagano, Biasion 3, Rossi 4, Cassani 18, Premazzi 10, Sorrentino 2, M. Frantini 4, Quarantelli, S. Frantini 8, Colombo. All. Ferri

Arbitri: Caldarola di Ruvo e Palazzo di Campobasso

 Parziali: 18-12, 26-33, 37-53

e-max.it: your social media marketing partner
Sottoscrivi questo feed RSS

Battipaglia