Skin ADV

Napoli Bologna. Inizia una nuova stagione

Venerdì 29 novembre a Castelvolturno è andato in scena il tanto atteso incontro tra Aurelio De Laurentis e la squadra, presenti ovviamente anche il tecnico Ancelotti, il DS Giuntoli e il Vicepresidente Edo De Laurentis. Da questo chiarimento faccia a faccia, al quale poi ha dato seguito un altro personalizzato con 3-4 calciatori, è emersa una voglia di mettere un punto a questa situazione e ripartire dagli obiettivi comuni, la vittoria della Coppa Italia, la risalita in classifica tra le prime 4, e l’andare più avanti possibile in Champions. Le parole esatte, probabilmente, nessuno le conosce ma è pacifico pensare che il passo indietro dei calciatori e la prestazione più che convincente con il Liverpool abbiano convinto ADL a rivedere, almeno in parte, i suoi piani bellicosi. Nello specifico la squadra ha chiesto la riduzione delle multe al 5% trovando nel Patron una semi-apertura, infatti il numero uno del Napoli ha chiesto ai ragazzi di continuare con lo spirito visto ad Anfield in modo da vincere le prossime 4 partite in campionato e quella di Champions, e lui si impegnerà ad eliminare completamente le multe. Nell’immediato si è parlato anche di una promessa di non intraprendere vie legali per quanto riguarda i diritti di immagine della società lesi dall’ammutinamento.

Quindi si arriva a domenica ore 18:00 allo Stadio San Paolo contro il Bologna in clima sicuramente più disteso e libero da paure e incertezze, quelle che purtroppo non possono abbandonare un eroico Sinisa Mihajlovic, che si presenta in conferenza stampa con immenso orgoglio e parla da uomo e non da tecnico, lasciando ancora una volta tutti i presenti più ricchi nell’animo e commossi allo stesso tempo… lezioni di vita!

Mister Ancelotti dovrà inevitabilmente cambiare lo spartito tattico contro il Bologna rispetto a quello andato in scena contro il Liverpool, ci vorrà un Napoli più propositivo e padrone del campo, importanti in questo senso saranno le scelte degli 11. Dovrebbe tornare titolare Lorenzo Insegne, recuperato dopo il dolore al braccio rimediato nel match contro il Milan, ma la sua posizione nello scacchiere azzurro sarà un rebus fino all’ultimo. Così come da qualche settimana è un enigma la presenza o meno di Callejon, che tra un rinnovo sempre più lontano e prestazioni di molto al di sotto delle sue potenzialità, rischia di partire nuovamente dalla panchina. Manolas e Allan in grandissimo spolvero ad Anfield proveranno a trascinare il Napoli dando quel quid che in tante partite è mancato, e saranno aiutati da un Lozano che sta crescendo di volta in volta e da un Di Lorenzo in formato Euro2020.

Sarà curioso vedere come i partenopei saranno accolti in quel di Fuorigrotta dai propri tifosi, se ci sarà un happy ending complessivo di tutte le componenti per ripartire verso un focus comune quello degli obiettivi stagionali, l’unità di intenti che Ancelotti alla vigilia della partita con il Liverpool ha rivendicato in barba a quelli che lo vedevano aver perso la fiducia della rosa e della società… Carletto e il Napoli non li uccide nessuno.

PROBABILI FORMAZIONI NAPOLI-BOLOGNA

NAPOLI (4-4-2): Meret; Di Lorenzo, Manolas, Koulibaly, Mario Rui; Fabian Ruiz, Allan, Zielinski, Elmas; Insigne, Lozano. ALL.: Ancelotti. A DISP.: Ospina, Karnezis, Maksimovic, Hysaj, Luperto, Callejon, Gaetano, Younes, Llorente, Mertens. INDISPONIBILI: Malcuit, Ghoulam, Milik, Tonelli. SQUALIFICATI: -.

BOLOGNA (4-2-3-1): Skorupski; Tomiyasu, Danilo, Bani, Krejci; Medel, Poli; Orsolini, Dzemaili, Sansone; Palacio. ALL.: Mihajlovic (in panchina Tanjga). A DISP.: Da Costa, Sarr, Paz, Mbaye, Denswil, Corbo, Schouten, Svanberg, Skov Olsen, Destro, Juwara. INDISPONIBILI: Dijks, Soriano, Santander. SQUALIFICATI: -.

e-max.it: your social media marketing partner