CONTATTACI OK

Eboli. Marocchino cosparso di benzina e dato alle fiamme da due connazionali

Il drammatico episodio è avvenuto a Campolongo di Eboli. La vittima un marocchino, cosparso di benzina e poi dato fuoco da due connazionali, al termine di una lite probabilmente legata allo spaccio di droga.  L’uomo si è salvato grazie a una donna chè, sopraggiunta sul posto poco dopo l’accaduto, ha allertato i soccorsi. L’ extracomunitario è stato prima trasportato all’ospedale di Eboli e successivamente trasferito nel reparto Grandi ustionati dell'ospedale Cardarelli a Napoli. La vittima ha riportato ustioni di primo e secondo grado sul 50% del corpo ed attualmente è in prognosi riservata.  Sono in corso le indagini per assicurare alla giustizia gli autori del folle gesto.

e-max.it: your social media marketing partner

L’ipotesi di una bretella di collegamento che escluda la SS 18 trova l’opposizione del comune di Eboli

L’ipotesi di bypassare la Strada Statale 18, quindi anche il territorio del Comune di Eboli, con un collegamento diretto dei flussi del traffico turistico verso l’area di Agropoli, come indicato dal CIPE, trova la netta opposizione della nostra Amministrazione. La nostra è una contrarietà basata su programmi già in campo e progettazioni ormai avviate. Mi riferisco soprattutto al finanziamento stabilito dall’Anas per il nuovo svincolo autostradale di Eboli, che dovrebbe essere l’apertura di un nuovo collegamento con le aree costiere, rappresentando la vera e propria porta verso il Cilento, ruolo che spesso il nostro territorio ha interpretato. La nostra opposizione sarà decisa, per difendere il territorio e gli sforzi che stiamo facendo per ridisegnare un futuro turistico e di presenze che in soli due anni di amministrazione ha già preso corpo, dopo anni di assenza amministrativa e di opposizioni compiacenti. Esprimeremo la nostra contrarietà immediatamente ed in tutte le sedi istituzionali, chiamando all’impegno tutti i livelli di rappresentanza del territorio, certi che ancora una volta Eboli saprà rappresentare la guida per un territorio che chiede solo di avere le occasioni per disegnare il proprio futuro.

e-max.it: your social media marketing partner

Il Palasele ottiene tutte le autorizzazioni ad ospitare grandi eventi sportivi e di spettacolo e diventa riferimento per tutto il Meridione

Il Palasele di Eboli diventa il massimo riferimento nel Meridione d’Italia per i grandi eventi, sia nello sport, che nello spettacolo. Il Palasele ha infatti ottenuto tutte le autorizzazioni ad ospitare appuntamenti di grande richiamo, a differenza di tante altre strutture costrette a chiedere evento per evento l’autorizzazione provvisoria. Tutto questo significa anche che le grandi organizzazioni di eventi sportivi e di concerti opteranno innanzitutto per il Palasele di Eboli nella programmazione dei loro appuntamenti, garantendo ad Eboli ed alla sua struttura l’attenzione nazionale ed internazionale. Dopo i lavori di adeguamento e la sistemazione delle aree parcheggio, dunque il Palasele è uno dei grandi attrattori nazionali di sport ed eventi di spettacolo. Già nei giorni 15 e 16 settembre la struttura ebolitana ospiterà, non a caso, il ritorno della grande ginnastica artistica al Sud, con i campionati nazionali a squadre. Ma nei prossimi mesi e nel 2018 il Palasele sarà interessato da alcuni concerti con star nazionali ed internazionali che hanno scelto Eboli per la loro tappa del Meridione d’Italia. Già in questi giorni piovono le richieste per ottenere il Palasele per grandi eventi, al momento almeno 10 richieste che riguardano concerti di forte richiamo, oltre ad altre richieste per una serie di importanti eventi sportivi nazionali. Un’attenzione che significa anche più partecipazione, con stime che indicano raddoppiato il numero di presenza ad Eboli nei prossimi mesi rispetto al passato.

e-max.it: your social media marketing partner

Cariello e Vecchio incontrano il direttore generale Asl, Giordano, e pianificano l’azzeramento delle criticità di personale in ospedale

Rinforzato l’organico medico ed infermieristico, con azzeramento delle criticità nell’ospedale di Eboli. L’incontro di ieri mattina che il sindaco, Massimo Cariello, ed il presidente del consiglio comunale, Fausto Vecchio, hanno avuto con il direttore generale della Asl Salerno, Antonio Giordano, ha garantito presente e futuro del nosocomio cittadino. «Abbiamo sollecitato gli interventi - ha detto il sindaco di Eboli -, prospettando al direttore Giordano, sempre disponibile ad intervenire nelle criticità della sanità, quali fossero le emergenze di personale di cui soffre l’ospedale di Eboli. Un incontro importante per la sanità ebolitana e per l’ospedale, perché sono state gettate le basi per un intervento completo sugli organici».  All’esposizione delle urgenze in ospedale, di cui si sono fatti interpreti Cariello e Vecchio, si è coniugata la programmazione dell’Asl e la disponibilità del direttore Giordano. Innanzitutto, l’avviso di mobilità garantirà l’arrivo di infermieri ed operatori OSS presso l’ospedale di Eboli, andando a coprire carenze che pesano sull’assistenza generale ospedaliera. Ma importanti novità sono giunte anche nel campo della copertura dei ruoli medici, un’emergenza che il sindaco di Eboli e il presidente del consiglio comunale hanno sottolineato con decisione nell’incontro con Giordano. «Anche in questo caso obiettivo raggiunto in diversi reparti - annuncia il presidente Fausto Vecchio -. Banditi i concorsi per ortopedia per medici, a breve sarà indicato anche il responsabile di reparto. Stessa procedura per i medici di neurologia, urologia e dermatologia, mentre in nefrologia è già in servizio un ulteriore medico ed un secondo arriverà a breve, insieme con il responsabile. Banditi anche i concorsi, con commissione già pronta, per i reparti di rianimazione, ortopedia e medicina generale. A breve queste procedure produrranno copertura concreta dei ruoli e nuova efficienza per il nostro ospedale».

e-max.it: your social media marketing partner

Il Comune di Eboli trasforma i beni confiscati, prima abbandonati, in nuovi avamposti di legalità e per le attività sociali

Eboli rinnova il suo impegno nella trasformazione di beni confiscati alla criminalità organizzata in riferimenti per attività sociali e di attenzione per il disagio. L’Amministrazione Cariello, impegnata in quest’opera di messa a disposizione della collettività dei beni confiscati, ha rinnovato la disponibilità alla cooperativa Spes Unica di un appartamento che fa parte dei beni confiscati alla famiglia Procida ed assegnato un secondo appartamento, nello stesso stabile, alla cooperativa sociale. Contemporaneamente, ha avviato la procedura per trasformare un altro bene, un manufatto in località Aversana, anche questo confiscato alla criminalità organizzata, in un presidio medico sanitario. «Confermiamo il comodato alla cooperativa Spes Unica - spiega il sindaco, Massimo Cariello – ed assegniamo a quella struttura un secondo appartamento, in considerazione delle attività che la cooperativa svolge nel delicato campo dei minori a rischio». L’Amministrazione Cariello ha lanciato fin dal suo insediamento una vera e propria crociata per la trasformazione rapida dei beni confiscati in patrimonio concreto a disposizione della comunità. «Abbiamo raddoppiato l’impegno - ricorda il consigliere delegato per i beni confiscati, Carmine Busillo -, perché avevamo chiaro quanto fosse significativo realizzare, in beni della criminalità, nuovi riferimenti sociali, specie per i più deboli. Un segnale forte voluto dall’Amministrazione Cariello, che qualifica tutta la nostra comunità e lancia un segnale di speranza e di legalità, utilizzando a scopi sociali beni che erano abbandonati». Insieme con l’utilizzazione dei beni Procida per il disagio minorile, il Comune sta attrezzando un’ulteriore trasformazione. « Ampliamo sempre più lo spettro degli interventi sociali - sottolinea l’assessore alle politiche sociali, Lazzaro Lenza -. In zona Aversana abbiamo acquisito al patrimonio comunale una villetta nella quale abbiamo avviato la procedura per realizzare un presidio medico per quell’area. Sono in corso contatti con l'Asl Salerno, a breve sarà formalizzato l'atto di destinazione».

e-max.it: your social media marketing partner

Eboli,mancata assunzione di una lavoratrice: diffidati i vertici del centro Elaion

Centro Elaion di Eboli: la storia infinita che prosegue. Diffidati tutti i componenti del Consiglio di Amministrazione e del Collegio Sindacale del Centro Elaion ad ottemperare alle volontà del giudice riassumere una lavoratrice che, in modo del tutto illegittimo, è stata licenziata nel 2009 senza un motivo serio. La donna, attraverso i propri legali, si è rivolta pure al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella per essere riconosciuto un diritto all'assunzione, e che ancora una volta la dirigenza del centro Elaion non vuole eseguire la sentenza. Un caso questo, che somiglia ad una sorta di braccio di ferro tra la dirigenza Elaion e la lavoratrice che però la donna ha vinto su tutti i fronti, è quindi deve essere assunta. Anche se, la dirigenza del centro, attraverso vari organi di informazione, ha voluto affermare che “gli amministratori del centro Elaion sono quotidianamente impegnati nella onerosa ed onesta attività di gestione, e che non è vero di non aver ottemperato a quanto disposto da un recente provvedimento giudiziario, che non prevede il reintegro”. Quindi, per il centro tutto sarebbe in regola. Peccato però, che la sentenza del giudice dica tutt'altro cioè che la donna deve essere assunta. La vicenda però, sta prendendo una brutta piega, quella di una sorta di accanimento contro questa lavoratrice la quale chiede il rispetto della sentenza, ma il centro non ne vuole proprio sapere. 

e-max.it: your social media marketing partner

Eboli. Tecnici al lavoro per la manutenzione nelle scuole.

Sono in corso sopralluoghi tecnici in tutte le scuole della città per un’azione di manutenzione su impianti e strutture. Nel segno dello scorso anno, quando l’Amministrazione comunale aveva inaugurato la manutenzione negli edifici scolastici prima dell’apertura delle attività didattiche, le ditte incaricate hanno effettuato ieri i controlli sulle 12 strutture scolastiche ebolitane. «In attesa che si completino i sopralluoghi, sono state già effettuate alcune manutenzioni, come il 70% degli interventi di controllo realizzati sugli impianti idrico-sanitari- ricorda il sindaco, Massimo Cariello -. Gli interventi programmati riguardano il funzionamento degli impianti, il controllo degli infissi ed alcune opere edili minori». Al lavoro ci sono le ditte che lo scorso luglio sono state incaricate dei controlli e della manutenzione nelle scuole, ormai da giorni impegnate nei controlli. «Particolare attenzione è riservata agli impianti di riscaldamento, una circostanza che si ripete fin dallo scorso anno - sottolinea il vicesindaco con delega al Patrimonio, Cosimo Pio Di Benedetto -. Anzi, proprio l’attenzione per il funzionamento delle caldaie, in occasione del gelo dello scorso gennaio, ha evitato la chiusura di tante scuole cittadine, come invece accaduto in molte altre aree del salernitano, a causa del cattivo funzionamento degli impianti di riscaldamento». Sopralluoghi, controlli e verifiche sono stati intensificati in questo periodo, approfittando degli ultimi giorni di chiusura delle scuole ed in attesa della ripresa delle attività didattiche. «In questo modo - spiega l’assessore alle politiche scolastiche, Angela Lamonica - riusciremo a garantire la manutenzione, ma senza incidere sull’andamento normale delle attività. Grazie a quest’azione di manutenzione, prima dell’avvio delle attività scolastiche, come già lo scorso anno, la rete scolastica ebolitana sarà pronta ad accogliere il nuovo anno di attività, garantendo le migliori condizioni ad alunni, insegnati, personale e famiglie».

e-max.it: your social media marketing partner
Sottoscrivi questo feed RSS

Battipaglia