Quasi 7 milioni i controlli di polizia dall'11 marzo al 4 aprile

Dall'11 marzo al 4 aprile 2020 le Forze di polizia, nell’ambito delle verifiche sul rispetto delle norme restrittive per il superamento dell’emergenza Coronavirus, hanno controllato 4.859.687 persone e 2.127.419 esercizi e attività commerciali. Complessivamente le contestazioni alle persone per violazioni ai divieti anti-contagio sono state 176.767, delle quali 115.738 denunce per violazioni dell’articolo 650 del codice penale (c.p.) e 61.029 per violazioni amministrative, dopo l’entrata in vigore il 26 marzo scorso del decreto legge n.19/2020, che ha modificato la disciplina delle sanzioni. L'articolo 4 del decreto differenzia infatti gli illeciti superando lo strumento originariamente individuato nell'articolo 650 c.p. Lo stesso articolo, al comma 8, affrontando le relative questioni di diritto intertemporale, stabilisce che le norme che sostituiscono sanzioni penali con sanzioni amministrative si applicano anche alle violazioni commesse prima dell’entrata in vigore dello stesso decreto legge. Nella giornata di ieri, 4 aprile, le persone e gli esercizi/attività commerciali controllati sono stati rispettivamente 229.104 e 87.364. Sanzionate in via amministrativa per i divieti sugli spostamenti 9.284 persone, 54 denunciate per false attestazioni e 10 denunciate per violazione della quarantena. I titolari di esercizi commerciali sanzionati sono stati 173, i provvedimenti di chiusura delle attività 27.

Contagiati in Campania, sono circa 3000 i positivi

L'Unità di Crisi della Regione Campania comunica che sono pervenuti i seguenti dati:

- Ospedale Cotugno di Napoli: sono stati esaminati  569 tamponi di cui 52 positivi;
- Ospedale Ruggi di Salerno:  sono stati esaminati 184 tamponi di cui 14 positivi;
- Ospedale Sant'Anna di Caserta: sono stati esaminati 73 tamponi di cui 3 positivi;
- ASL di Caserta presidi di Aversa e Marcianise: sono stati esaminati  119 tamponi di cui 21 positivi;
- Ospedale Moscati di Avellino: sono stati esaminati  136 tamponi di cui  5 positivi;
- Ospedale San Paolo di Napoli: sono stati esaminati 26 tamponi di cui 17 positivi;
- Azienda Universitaria Federico II: sono stati esaminati 72 tamponi di cui 11 positivi;
- Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Mezzogiorno: sono stati esaminati 396  tamponi di cui 9 positivi;
- Ospedale San Pio di Benevento: sono stati esaminati 29 tamponi di cui nessuno positivo;
- Ospedale di Eboli: è stato esaminato 1 tampone risultato negativo.


Positivi di oggi: 132
Tamponi di oggi: 1.605

Totale complessivo positivi Campania: 2.960
Totale complessivo tamponi Campania: 23.139

SCARICA L'AGGIORNAMENTO

Campania. Crisi economica, De Luca stanzia 604 milioni di euro

Il Presidente Vincenzo De Luca - con il contributo delle proposte pervenute da istituzioni locali, gruppi politici, organizzazioni sociali, sindacali e imprenditoriali, istituzioni bancarie, il volontariato e le organizzazioni religiose - ha definito il Piano Socio Economico della Regione Campania contro la crisi, stanziando oltre 604 milioni.

Tra le misure principali assunte dalla Regione si segnala:

1) Contributo alle famiglie con disabili

2) Pensioni al minimo portate a 1.000 euro per due mesi

3) Contributo di 2.000 euro alle imprese commerciali, artigiane e industriali

4) Bonus a professionisti e lavoratori autonomi

5) Bonus alle aziende agricole e delle pesca

6) 30 milioni per il comparto del turismo

Scarica il documento:

Piano Socio Economico della Regione Campania contro la crisi

 
 
 

Regione Lombardia. Fontana: per strada indossare mascherina

l Presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, ha firmato ieri la nuova Ordinanza regionale n.521che proroga fino al 13 aprile le misure restrittive introdotte dalle precedenti Ordinanze regionali del 21, 22 e 23 marzo. La nuova ordinanza introduce alcune novità, in particolare:  l'obbligo per chi esce dalla propria abitazione di proteggere sé stessi e gli altri coprendosi naso e bocca con mascherine o anche attraverso semplici foulard e sciarpe; l’obbligo per gli esercizi commerciali aperti di fornire ai propri clienti guanti monouso e soluzioni idroalcoliche per l'igiene delle mani; la possibilità di acquistare articoli di cartoleria all'interno degli esercizi commerciali che vendono alimentari o beni di prima necessità (che sono quindi aperti); la possibilità di vendere fiori e piante, ma solo tramite consegna a domicilio.

Sala Consilina. Coronavirus, morti altri due anziani all'ospedale di Polla

Coronavirus: ancora due morti nel Vallo di Diano, nel Salernitano. Si tratta di due persone anziane ultra ottantenni, una donna ed un uomo ricoverati all'ospedale di Polla ed entrambi con gravi patologie pregresse. La donna era una delle ospiti della casa di cura di Sala Consilina dove sono risultati contagiati 32 anziani ora trasferiti presso il Campolongo Hospital di Eboli. Salgono a 15 i decessi per coronavirus nel Vallo di Diano.

(Fonte ANSA).

Salerno. Lombardi: la Regione non paga i debiti alle imprese edili

Il presidente di FederCepi Costruzioni, Antonio Lombardi, esprime apprezzamento per le misure adottate questa mattina dalla Regione Campania, per fronteggiare l’emergenza Coronavirus.

“Si tratta di misure significative – dice il presidente Lombardi – che garantiranno una boccata d’ossigeno alle piccole imprese, ai professionisti, ai lavoratori autonomi e alle famiglie”.

Tuttavia il presidente nazionale di FederCepi Costruzioni, esprime il proprio rammarico per una “dimenticanza”, che pure avrebbe garantito un significativo apporto in termini di liquidità proprio al comparto dell’edilizia, uno dei più provati dalla crisi. “La Regione – dice il presidente – avrebbe potuto cogliere questa opportunità per saldare quanto deve alle imprese edili per il 2019. Senza risorse o investimenti aggiuntivi, quindi, ma semplicemente pagando il dovuto per lavori realizzati”. Secondo stime ufficiose, i debiti della Regione Campania verso le imprese e relative all’anno 2019 ammontano a circa 630 milioni di euro (ad esclusione dei debiti maturati nella sanità).

“Approfittare di questa circostanza per liquidare quanto dovuto alle aziende dell’edilizia – commenta il presidente Lombardi – avrebbe sicuramente consentito di arginare gli effetti che questa crisi sta producendo sul nostro comparto e che rischiano di essere davvero dirompenti con la riapertura dei cantieri”.

Il trend dei pagamenti della Regione Campania continua purtroppo a registrare gravi ritardi (l’indicatore della tempistica media è addirittura raddoppiato, nel 2019, rispetto all’anno precedente).

Ecco, anno per anno, l’ammontare complessivo dei debiti e l’indicatore della tempestività dei pagamenti dell’ente (limitatamente alla componente non sanitaria):

- anno 2015 = € 332.291.760,90 e 728 imprese creditrici;

- anno 2016 = € 427.132.784,14 e 991 imprese creditrici;

- anno 2017 = € 518.505.839,19 e 1.535 imprese creditrici;

- anno 2018 = € 585.756.838,57 e 1.924 imprese creditrici;

Indicatore tempestività dei pagamenti (componente non sanitaria):

- anno 2015= 32,06 giorni;

- anno 2016 = 33 giorni;

- anno 2017 = 45,53 giorni;

- anno 2018 = 24,88 giorni;

- anno 2019 = 43,28 giorni.,

Salerno, 5 aprile 2020

Salerno. Reparto infettivi, da domani al Giovanni Da Procida

L’Azienda Universitaria “San Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona” da lunedì attua il piano che prevede nel presidio “Giovanni da Procida” l’intera attività di malattie infettive. Saranno da subito operative due aree da cinquantasei posti ciascuna, una riservata all’attività pneumologica ed una all’attività di malattie infettive con il supporto nelle ventiquattro ore del servizio di radiologia, mentre per dodici ore ci sarà una guardia rianimatoria e di accettazione. Le aree sono affidate alla responsabilità di Barbato, la pneumologica e di Masullo quella di malattie infettive. Si tratta, però, di una prima parte dell’organizzazione, che, a lavori ultimati, prevederà complessivi 122 posti letto, di cui quattordici di intensiva e sei di subintensiva. L’infettivologo Luigi Greco, rientrato su espressa richiesta della triade commissariale, ha già pubblicamente espresso il suo dissenso su una scelta che impedisce agli operatori della divisione di malattie infettive di avere immediatamente a disposizione il supporto e la collaborazione delle strutture specialiste dedicate presenti nel presidio in località San Leonardo. Si attendono intanto intese tra l’Azienda Ospedaliera e la territoriale della provincia per un’azione efficace di assistenza sul territorio, che dovrebbero aversi a partire da lunedì. Il punto di svolta è quindi vicino : abbandoniamo ogni polemica, perché la pandemia da sola già basta!

Battipaglia. "Gli scatoloni della solidarietà", l'iniziativa solidale di “Giovani in Movimento”

“Gli scatoloni della solidarietà” , è questo il nome dell’iniziativa dell’associazione “Giovani in Movimento” di Battipaglia per aiutare chi ha bisogno ai tempi del Coronavirus . 
Gli attivisti dell’associazione hanno lasciato nelle diverse zone della città degli scatoloni con sopra affisso il logo “Gli scatoloni della solidarietà” , dove gli abitanti dei singoli quartieri potranno donare beni o prenderne in caso di necessità. 
“Abbiamo preso spunto da ciò che è stato fatto in altre città del Sud Italia come Napoli e Catania, ovvero un’iniziativa di solidarietà e di senso di comunità in questo momento così difficile.  Nei quartieri di Battipaglia abbiamo lasciato degli scatoloni dove tutti i cittadini possono sia lasciare generi alimentari nel caso volessero donare, sia prendere se ne avessero bisogno. La circostanza garantisce l’anonimato e la riservatezza sia per coloro che effettuano la donazione, sia per coloro i quali la ricevono . Attraverso questo piccolo gesto i cittadini possono aiutarsi gli uni con gli altri. Sappiamo che il cuore dei battipagliesi è grande e queste difficoltà ci rendono una città più unita. Lo scopo di questa nostra iniziativa è di aiutare più persone possibili, instaurando una catena positiva di solidarietà. Per questo invitiamo tutti a donare qualcosa all’interno degli scatoloni dei propri quartieri e a chi è in difficoltà a prendere ciò che gli serve” .

  • InFamily

Sottoscrivi questo feed RSS