CONTATTACI OK

Redazione

Redazione

Gli agenti del commissariato arrestano marocchino per spaccio di droga

Nell’ambito dei servizi ordinari di controllo del territorio finalizzati alla prevenzione ed alla repressione dei traffici illeciti nella città di Battipaglia (SA), personale della Polizia di Stato in forza al locale Commissariato di Pubblica Sicurezza – Squadra Anticrimine – in seguito ad accurati servizi di appostamento, nella serata di ieri 23 febbraio, ha tratto in arresto M.C., 30enne di nazionalità marocchina, incensurato e regolarmente residente sul territorio dello stato, poiché trovato in possesso di sostanza stupefacente di tipo hashish, per un peso complessivo di grammi quattrocento circa, suddiviso in quattro panetti. Gli agenti, dopo attenta osservazione, individuavano il suddetto a bordo di una bicicletta che percorreva ripetutamente il circondario in località Taverna delle Rose, fermandosi più volte a bordo strada con fare circospetto. Immediatamente veniva sottoposto a controllo ed a perquisizione personale da parte degli operatori che rinvenivano, occultato nell’ombrello dello straniero due panetti di hashish. Dalla successiva perquisizione domiciliare venivano rinvenuti altri due panetti della medesima sostanza. Pertanto, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, il medesimo veniva tratto in arresto e deferito al rito direttissimo previsto nella mattinata odierna.

e-max.it: your social media marketing partner

Compostaggio. Il comitato Battipaglia dice “NO” replica ai "galoppini elettorali"

L’attacco concentrico sferrato dagli uomini del partito del Presidente e del vicepresidente della Regione Campania verso il nostro comitato, verso la sua battaglia e verso l’intera città di Battipaglia diventa ogni giorno più arrogante, più cieco e più violento.  Alle manovre ellettoralistiche del candidato alla Camera che - dismessi i panni del supporter dell’impianto di compostaggio nello STIR - ha adesso indossato quelli del “ragionevole mediatore”, nel disperato tentativo di racimolare qualche voto in più, ha fatto seguito la dichiarazione del segretario cittadino Bruno per il quale gli errori clamorosi dell’ufficio legale del nostro Comune verrebbero - chissà perché - “sanati” dalla pagliacciata del c.d. tavolo tecnico.  Non si riesce a comprendere la logica che ispira Bruno, se non il desiderio di prendere in giro i battipagliesi trattandoli da sprovveduti: secondo il suo bislacco ragionamento, il solo fatto di aver ricevuto una vacua promessa di “ridurre l’aumento dell’immondizia che ci sommergerà, dovrebbe far ‘tabula rasa’ di tutto. Proteste, volontà popolare, ricorsi e persino gli errori da studente del secondo anno di giurisprudenza. Non perdiamo il tempo a rispondere alle patetiche elaborazioni di Bruno che ci arriva addosso l’insulto di Velardi, il campione del ‘renzismo’ un tanto al chilo. Si scateni quanto si vuole e quanto la muta di galoppini elettorali. Battipaglia non arretra di un centimetro. Battipaglia dice “NO”.

e-max.it: your social media marketing partner

Uil Fpl invoca al manager dell'Asl chiarezza sulla prescrizione dei contributi previdenziali

Chiarezza sulla prescrizione dei contributi previdenziali. A chiederla sono le segreterie salernitane di Uil Fpl Salerno e Cgil Fp, dopo le voci che, in questi giorni, sono circolate su presunte inesattezze, sia giuridiche che economiche, presenti sulle posizioni assicurative in possesso dell’Inps. “Con la circolare numero 94 del 31 maggio scorso, l’Inps interveniva sulla prescrizione dei contributi pensionistici dovuti dalle gestioni pubbliche e indicava quale termine perentorio il 31dicembre scorso per regolarizzare le predette posizioni”, ha detto Biagio Tomasco della Uil Fpl provinciale. “Con nota del 17 ottobre, inoltre, le segreterie nazionali di Cgil Fp e Uil Fpl hanno segnato alle istituzioni le perplessità e soprattutto le preoccupazioni non solo sulle modalità e sulla tempistica della prescrizione quinquennale ma anche sulla stessa applicabilità alle gestioni pensionistiche pubbliche”. Per i sindacalisti, infatti, il termine del primo gennaio 2018, data da cui  decorrere la prescrizione nonché l’interpretazione secondo la quale alla Cassa dei trattamenti pensionistici degli statali non si sarebbe potuto applicare il comma 2 dell’articolo 31 della legge 610 del 1952, che prevede, invece, per le altre casse del pubblico impiego il calcolo del trattamento di quiescenza sull’intero periodo di servizio prestato, comprendendo anche gli eventuali servizi di obbligatoria iscrizione non assistiti dal versamento o dalla sistemazione dei contributi. Una situazione poco chiara secondo Tomasco. “Con la circolare numero 169 del 15 novembre scorso, l’Inps è intervenuta di nuovo sulla prescrizione dei contributi pensionistici ed accogliendo l’estensione anche alla Cassa dei trattamenti pensionistici degli statali dell’applicabilità del comma 2 dell’articolo 31 della legge 610 del 1952, posticipando così di un anno il termine per l’avvio della procedura di prescrizione e stabilendo quale termine ultimo per la regolarizzazione assicurativa il 31 dicembre prossimo”, ha affermato il segretario della Uil Fpl Salerno. “Ecco perché chiediamo al direttore generale della Asl Salerno un convocazione urgente per conoscere l’entità della problematica e come si intende risolvere la stessa stante la necessità di sistemare le posizioni previdenziali della quasi totalità dei dipendenti. Restiamo a disposizione per eventuali chiarimenti e nel contempo provvederemo a informare i lavoratori sugli sviluppi della problematica”.

​​​

e-max.it: your social media marketing partner

Presunte tasse occulte sulla bolletta della luce, l’Adiconsum Salerno chiede chiarezza

Con riferimento alle varie notizie che si stanno diffondendo per ciò che attiene le bollette non pagate dai cosiddetti furbetti, le tasse occulte sulla bolletta della luce per il finanziamento degli impianti fotovoltaici e oneri di sistema da spalmare sugli utenti domestici, così come previsto dalla delibera 50 del 2018 dell’Autorità di regolazione per energia reti e ambiente, l’Adiconsum Salerno comunica che, in data odierna, il presidente nazionale dell’associazione dei consumatori della Cisl, Carlo De Masi, ha chiesto, al fine di  mettere in campo correttivi per evitare che a pagare siano sempre i consumatori finali e onesti, un incontro con il dottore Guido Pier Paolo Bortoni, presidente dell’Arera. “I consumatori salernitani stiano tranquilli”, ha detto Antonio Galatro, presidente dell’Adiconsum Salerno. “Saremo vigili sulla questione”.

e-max.it: your social media marketing partner
Sottoscrivi questo feed RSS

Battipaglia