Redazione

Redazione

Le novità Fruit & Salad School Games arrivano in Puglia dopo il successo campano

Hanno riscosso un notevole successo nelle tappe campane le novità di questa quarta edizione di Fruit & Salad School Games, la campagna per la diffusione del consumo di frutta e verdura nelle scuole dell’obbligo promossa dalle organizzazioni di produttori ortofrutticoli Alma Seges, AoA, Assodaunia, Asso Fruit Italia, La Deliziosa e Terra Orti.

Quest’anno al fine di coinvolgere gli istituti scolastici nel periodo precedente i giorni in cui si tengono le tappe, le classi partecipanti sono state chiamate a produrre un disegno a tema “La verdura”. Tantissimi sono stati i lavori preparati dai ragazzi, che sono stati esposti durante ogni tappa e tra questi scelto il disegno migliore, al quale la commissione formata dai promotori e organizzatori ha assegnato un trofeo e il diritto di partecipare alla finalissima, nel corso della quale il disegno sarà esposto insieme a quelli realizzati dalle classi degli altri istituti vincitori per aggiudicarsi il trofeo finale.

Il concorso artistico ha riscosso dunque parecchi consensi da parte dei professori e grande entusiasmo da parte degli alunni. Essendo una competizione separata ed aggiuntiva rispetto a quella principale, raddoppierà l’afflusso di ragazzi alla finalissima, proprio perché accanto alle classi vincitrici delle tappe verranno invitate le classi vincitrici dei concorsi artistici.

L’altra apprezzata novità è quella che è stata introdotta nella competizione che verte su quiz di cultura e giochi sportivi, Quest’anno i quiz, basati sugli argomenti trattati dal nutrizionista all’inizio della giornata, coinvolgono tutti i ragazzi partecipanti grazie a moderne pulsantiere elettroniche senza filo e a uno schermo in cui sono visualizzate le domande alle quali rispondere, in modo che l’intera classe possa interagire e concorrere collettivamente all'ottenimento del punteggio valido ai fini della vittoria della tappa.

Con questa importanti novità Fruit & Salad School Games arriva nelle scuole elementari della Puglia. Le tappe del calendario di questa regione partiranno il 26 febbraio dall’ I.C. Aldo Moro di Stornarella (FG), per poi proseguire il 27 febbraio all’I.C. Giovanni Paolo II di Candela (FG) ed infine il 28 febbraio presso l’I.C. Giovanni Paolo I di Stornara (FG). Alla conclusione delle tappe pugliesi, si ritornerà in Campania per poi proseguire in Basilicata.

e-max.it: your social media marketing partner

Pontecagnano. Università e comune: progetto pilota per la tutela del territorio e della salute

Firmato, ieri mattina, il Protocollo d’Intesa fra il Comune di Pontecagnano Faiano ed il Dipartimento di Farmacia dell’Università degli Studi di Salerno.

A Palazzo di Città, la sottoscrizione per mano del Sindaco Giuseppe Lanzara e del Direttore del Dipartimento Pietro Campiglia.

Obiettivo dell’accordo pilota, il primo contratto dall’ateneo di Fisciano con un ente comunale, è quello di procedere all’attuazione di una sinergica collaborazione sulle tematiche di interesse condiviso, fra cui salute, ambiente, vivibilità ed occupazione.

Temi, questi, a cui l’Amministrazione Lanzara ha da sempre riservato un’attenzione peculiare, indicandoli in cima dell’agenda delle priorità, e ponendoli al centro di una serie di importanti iniziative.

“L’intento di questo accordo”, ha dichiarato Carmine Sica, economista, analista di progetti e start up innovative per il Difarma Unisa, esperto della Regione Campania per la programmazione dei Fondi Strutturali 2021-2027, area Green Economy, “è quello di avvicinare il Centro Ricerche Unisa con l’intero territorio provinciale per creare una collaborazione basata su due elementi chiave: controllo in termini ambientali ed occupazione sostenibile. Anche grazie al Protocollo d’Intesa, diamo vita ad un processo di attuazione di green e blue economy per valorizzare le risorse locali e creare reddito mediante attività sostenibili”.

 “Il mondo della ricerca e della formazione incontrano i Comuni -di cui il primo è appunto quello di Pontecagnano Faiano-“, ha chiarito Pietro Campiglia, Direttore del Dipartimento di Farmacia Unisa, “per creare innovazione, supporto ai vari comparti, non ultimo quello agroalimentare, per costituire un hub, per creare uno scambio di competenze ed esperienze fra giovani studenti del territorio, per monitorare acqua, suolo ed aria”.

 “Siamo solo all’inizio di una scommessa territoriale”, ha asserito Carmine Spina, Assessore alle Politiche Ambientali, “che vede protagonisti l’Università degli Studi di Salerno, il Comune e, ci auguriamo, altri enti, organismi, aziende. Stiamo compiendo un primo passo per creare nuovi investimenti e nuove prospettive per la nostra città, la nostra salute, i nostri giovani”.

 “Firmiamo  un progetto ambizioso che riguarda la vivibilità del nostro territorio”, ha chiuso il Sindaco Giuseppe Lanzara. “Si tratta di un’iniziativa ambiziosa, che proveremo ad estendere ad altri Comuni ed altri Dipartimenti affinché sia possibile creare un discorso univoco e più ampio, che possa consentirci di raggiungere risultati maggiormente ampi e significativi”.

 

e-max.it: your social media marketing partner
Sottoscrivi questo feed RSS