mariano

Redazione

Redazione

BANCA DEL CILENTO, NEL PRIMO SEMESTRE 2018 UTILI SUPERIORI AI 2,5 MILIONI DI EURO

La Banca del Cilento, di Sassano e Vallo di Diano e della Lucania archivia il primo semestre del 2018 con risultati davvero importanti, e con utili superiori ai 2 milioni e mezzo di euro. Ma soprattutto continuando a svolgere il suo ruolo di Banca del Territorio, come ben evidenziano il Presidente Pasquale Lucibello e il Direttore Generale Ciro Solimeno su “Il Sole 24 Ore”. Non è un caso se il quotidiano economico nazionale punta i suoi riflettori sull’Istituto Bancario con sede a Vallo della Lucania, in un momento nel quale la clientela e i Soci delle Banche di Credito Cooperativo si domandano se le BCC potranno continuare ad essere le “Banche di Prossimità” e di vero sostegno delle proprie aree di competenza. Una prima risposta arriva dal presidente Pasquale Lucibello, che rivendica con forza il ruolo storico che hanno avuto, che hanno e che dovranno continuare ad avere le BCC per i territori nei quali operano. “Un Istituto di Credito Locale come la nostra Banca -afferma Lucibello- in virtù del legame preferenziale stabilito con la comunità e consolidato nel corso del tempo, si pone come valido punto di riferimento, differenziandosi dalle altre aziende di credito. Non a caso l’apporto fornito dalle BCC durante il periodo di crisi è risultato determinante: non abbiamo spostato i nostri investimenti soltanto verso i mutuatari più meritevoli, ma abbiamo continuato ad immettere liquidità nel sistema economico, in controtendenza rispetto ai maggiori gruppi che, invece, hanno erogato liquidità soltanto ai soggetti ritenuti più affidabili”. Il rapporto di prossimità, infatti, consente alle BCC di leggere i territori e di conoscere i soggetti del sistema economico, svolgendo il ruolo fondamentale di volano per lo sviluppo economico.  “Nel momento del bisogno ci avete dato una mano” conferma una imprenditrice presso la filiale di Sala Consilina al direttore della Banca del Cilento, di Sassano e Vallo di Diano e della Lucania Ciro Solimeno. Una affermazione che per il direttore generale è il migliore biglietto da visita, ovviamente insieme ai dati economici. “È la più bella testimonianza -evidenzia Solimeno- dell’anti ciclicità del nostro sistema, per cui abbiamo sempre combattuto e sempre combatteremo. Anche nei momenti di crisi e di difficoltà le Banche di Credito Cooperativo, ed in particolare la Banca del Cilento, di Sassano e Vallo di Diano e della Lucania, non chiudono le porte, ma le mantengono aperte. Per far sì che chi, ovviamente in modo coerente e corretto, ha necessità di credito, possa trovare quello di cui ha bisogno”.L’articolo sul quotidiano economico nazionale è stata anche l’occasione per accennare agli importanti risultati ottenuti dalla Banca del Cilento nel primo semestre 2018. “Sono risultati davvero notevoli e rilevanti -sottolinea il direttore Generale- che segnano l’entrata a regime dell’intera Banca del Cilento, ed in particolare delle filiali del Vallo di Diano, che si sono integrate non solo da un punto di vista operativo ma anche come risultati economici e reddituali. Siamo davvero soddisfatti di questi primi sei mesi, che come utili superano di gran lunga i 2 milioni e mezzo di euro. Tutto questo ci fa ben sperare per il resto del 2018, che sarà l’ultimo anno in cui la Banca del Cilento presumibilmente opererà in modo autonomo, prima di entrare nel Gruppo Cooperativo ICCREA. Ma potremo entrarvi dalla porta principale, dicendo la nostra, e con la certezza che continueremo a fare la Banca che assiste i territori”.

e-max.it: your social media marketing partner

Pontecagnano : Aumento della Differenziata , la soddisfazione dell'Ente

Risultato straordinario del Comune di Pontecagnano Faiano in merito alla raccolta differenziata dei rifiuti. Dai numeri inviati all’Ente dal Consorzio Comuni Bacino Salerno 2, è infatti emerso un sostanzioso aumento del materiale prelevato dagli operatori ad  agosto 2018 rispetto a quello ritirato nello stesso mese del 2017.

In particolare, si è registrato:

+ 78,04% per la carta;

+ 2,10 per il cartone;

+ 14,94 per il vetro;

+ 44,95 per il multimateriale;

+ 13,30 per l’organico.

Percentuali importanti, che determinano un successo a cui il Comune è approdato anche attraverso specifiche misure adottate negli ultimi mesi, tra cui il potenziamento dei controlli, l’incremento delle sanzioni e significative campagne di sensibilizzazione. In questi giorni sono state, infine, adottate altre due importanti misure:

  • l’acquisto e la collocazione di fototrappole per potenziare la videosorveglianza nei punti più critici della città, in cui si è ripetutamente registrato lo sversamento indiscriminato di rifiuti, anche pericolosi;
  • l’utilizzo straordinario di camion, ogni mercoledì e venerdì, per fronteggiare le emergenze e garantire un servizio di rimozione maggiormente celere ed efficiente.

Soddisfatto del grande risultato raggiunto il Consigliere Comunale Beniamino Castelluccio: “Sono stati mesi di intenso lavoro, in cui abbiamo dedicato il giorno e la notte a pianificare e mettere in atto interventi che restituissero decoro alla nostra città. Il compito è stato difficoltoso, ma ha prodotto i numeri attesi. Confidiamo ora nell’aiuto di tutti: ciascuno contribuisca a rendere migliore il nostro territorio, prendendo a cuore questa causa che ci riguarda tutti, indistintamente”.  Sulla questione, il Sindaco Giuseppe Lanzara ha concluso: “Enorme traguardo, a cui sono certo se ne aggiungeranno altri in questo e nei rimanenti settori. Non c’è nulla che parli meglio dei numeri, sopraggiunti ai nostri uffici peraltro da altri organismi. Numeri che  ci lusingano soprattutto se  consideriamo che fanno seguito  ad una situazione critica, emergenziale, durissima. Abbiamo dimostrato che tutto si può fare e che l’impegno costante e di squadra premia sempre, anche nei momenti più drammatici”.

e-max.it: your social media marketing partner

Giovane donna evade dagli arresti domiciliari e finisce diritta a Fuorni

A Cava de’Tirreni, i Carabinieri arrestano Liliana R, rea di “evasione” dalla detenzione domiciliare e la traducono, su disposizione della Magistratura, al carcere di “Fuorni” Lunedì 17 Settembre 2018, in via Aniello Salsano, della popolosa Frazione di Pregiato di Cava de’ Tirreni, i Carabinieri della Tenenza di via Pasquale Atenolfi, agli ordini del Tenente Vincenzo Pessolano, hanno tratto in arresto la quarantasettenne Liliana R., classe ’71, perché colta in flagranza del reato di: “evasione dalla detenzione domiciliare”. La Liliana R., agli arresti domiciliari dall’11 Ottobre 2017, già pregiudicata per analoghi reati e non solo, è evasa dalla sua abitazione di via Luigi Ferrara, dove doveva scontare un anno di detenzione, perché responsabile di “resistenza e lesioni aggravate a Pubblico Ufficiale”; invece è stata trovata in via Aniello Salsano, nei pressi dell’Ufficio Postale pregiatese. La giovane, nell’autunno del 2015, nel corso di una ennesima lite col consorte, durante la quale venne richiesto l’intervento dei Carabinieri, anziché divenire a più miti consigli, si scagliò contro i militari dell’Arma, procurando ad un militare serie lesioni personali. L’arrestata, come disposto dal Sostituto Procuratore della Repubblica, presso il Tribunale Civile e Penale di Nocera Inferiore, Martedì 18 è stata processata col “rito direttissimo”, ma avendo la difesa invocato “i termini per la difesa” il Tribunale ha deciso di discutere la causa Sabato 22 Settembre, dovendo rispondere, la denunziata, per la seconda volta, del reato contro l’Amministrazione della Giustizia, comunemente detto: “evasione dalla detenzione domiciliare”, previsto e punito dall’art. 385 del Codice Penale, che prevede la condanna della reclusione da sei mesi ad un anno. Oggi, Venerdì 21 Settembre 2018, il Tribunale di Sorveglianza, visto che la giovane Liliana R. non aveva ottemperato ai dettami che consentono di beneficiare degli arresti domiciliari, ha ordinato al Tenente Vincenzo Pessolano, della Tenenza dell’Arma cavese, di farla prelevare dalla propria abitazione e restringerla presso la Sezione Femminile del Carcere di “Fuorni” Salerno; cosa che è avvenuta. 

e-max.it: your social media marketing partner

Due magrebini si gettano da un ponte dell'Autostrada a campagna

Due magrebini si sono gettati da un ponte tra Campagna e Contursi. In questo modo hanno così cercato di sfuggire alle Forze dell’Ordine ma sono rimasti gravemente feriti. E’ accaduto all’alba, poco dopo le 4.00, su un ponte dell’autostrada Salerno-Reggio Calabria. I due magrebini, non apparterrebbero a nessun centro di accoglienza, sono ora ricoverati in gravi condizioni. Nell’inseguimento è rimasto ferito anche un poliziotto. Sono state avviate le indagini per fare luce sulla vicenda.

e-max.it: your social media marketing partner
Sottoscrivi questo feed RSS

Battipaglia