Skin ADV

Guida in stato di ebbrezza, previsto l’arresto e la sospensione della patente

Mai mettersi alla guida di un veicolo in stato di ebbrezza rappresenta un rischio per se stessi e per gli altri. Il divieto è regolato dagli articoli 186 e 186 bis, dal CdS, che sancisce il limite del tasso alcolemico a 0,5 grammi/litro nel sangue. Le sanzioni variano a seconda del tasso alcolemico accertato: tra 0,5 e 0,8 g/litro scatta una contravvenzione da 532 a 2.127 euro, con la sospensione della patente da 3 a 6 mesi; tra 0,8 e 1,5 g/litro il fatto diventa reato e si è puniti con una ammenda che va da 800 a 3.200 euro ed è previsto l’arresto fino a un massimo di 6 mesi, con la sospensione della patente da 6 mesi a un anno; oltre gli 1,5 g/litro: la pena è ancora più grave, infatti è prevista un’ammenda da 1.500 a 6.000 euro, l’arresto da 6 mesi a un anno, con la sospensione della patente da uno a due anni. Se il veicolo appartiene a una persona estranea al reato, la sospensione della patente è raddoppiata. La patente è invece revocata in caso di recidiva, cioè ripetizione del reato, nell’arco di due anni. La macchina può essere sottoposta a sequestro e, con la sentenza di condanna, viene definitivamente confiscata (cioè passa in proprietà allo Stato), almeno che non appartenga a persona estranea al reato. In caso di incidente causato da chi è in stato di ebbrezza, le sanzioni sono raddoppiate e viene applicato il fermo amministrativo del veicolo, almeno che non appartenga a terzi estranei ai fatti. Se poi chi causa l’incidente ha un tasso alcolemico che supera la misura di 1,5g/litro, si applica anche la revoca della patente. Le previsioni  di questo articolo hanno rilevanza anche nella applicazione dell’art. 589 bis del codice penale, che prevede e punisce il reato di omicidio stradale. L’accertamento, nei casi di incidenti stradali, del tasso di alcol nel sangue e di sostanze stupefacenti può essere fatto attraverso esami ematici su richiesta della Polizia stradale. Il rifiuto prevede un aumento di pena.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

e-max.it: your social media marketing partner