mariano

Bollo auto si prescrive al terzo anno successivo a quello in cui doveva pagarsi

Bollo auto, verificate la prescrizione. Bisogna fare molta attenzione alle ingiunzioni pagamento, con modalità di cui al R.D. n.639/1910, notificate dall’Agente di Riscossione per il recupero delle tasse dovute dal 1° gennaio 1983 per effetto dell’iscrizione di veicoli o autoscafi nei pubblici registri e delle relative penalità. Infatti, il diritto dell’ente impositore si prescrive con il decorso del terzo anno successivo a quello in cui doveva essere effettuato il pagamento” (art.5 del D.L. 953/82, così come modificato dall’art.3 del D.L. 2/86 convertito nella legge 60/86). In tema di bollo auto, oltre all’avviso di accertamento, anche la cartella di pagamento deve essere notificata entro il decorso del terzo anno successivo a quello in cui doveva essere effettuato il pagamento. Secondo la Suprema Corte, pertanto, la notifica di un avviso di liquidazione e/o accertamento non fa altro che interrompere il precedente termine triennale, il quale ricomincerà nuovamente a decorrere dal giorno successivo (in pratica, dopo la notifica di un accertamento ricomincia un nuovo termine triennale). Molte volte la richiesta di pagamento avviene quando sono decorsi i termini, richiesta legittima se non si eccepisce la prescrizione all’ente impositore dinanzi alla Commissione Tributaria Provinciale, con il preliminare tentativo di mediazione obbligatoria, essendo condizione di procedibilità.

Avv. Carmine Galdi

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

e-max.it: your social media marketing partner

Battipaglia